Strumenti di accessibilità

Skip to main content
Ultime news

Attualità & Curiosità

Ubriachi alla guida? Punibili anche senza alcoltest

Il Ministro Salvini è d’accordo con la sentenza della Cassazione che permette di stabilire l’ubriachezza di un guidatore anche senza alcoltest. Salvini spera che il Nuovo Codice della Strada sia approvato prima delle vacanze estive (forse entro luglio).

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, sostiene che un agente può fermare un guidatore in evidente stato di ubriachezza anche senza alcoltest. Segni tangibili dello stato di alterazione sarebbero il forte odore di alcol (tanfo) e la difficoltà a stare in equilibrio su un piede, sufficienti per bloccare l’automobilista.

La dichiarazione alla Camera si basa su una recente sentenza della Cassazione (n. 20763/2024).
Il caso riguarda un automobilista di Brescia che, visibilmente ubriaco, ha causato un incidente e si è rifiutato di fare l’alcoltest. Condannato in appello, ha fatto ricorso, ma la Cassazione ha stabilito che la testimonianza degli agenti fosse sufficiente per confermare la condanna.

La Cassazione ha chiarito che, qualora non sia possibile svolgere l’alcoltest, le prove sintomatiche come il comportamento e l’odore di alcol possono essere usate per accertare l’ubriachezza.
Ovviamente, l’alcoltest rimane obbligatorio per chi è già stato condannato per guida in stato di ebbrezza.

Inoltre, come saprai, il Nuovo Codice della Strada, già approvato alla Camera e in attesa del via libera al Senato, include anche l’introduzione dell’alcolock, il dispositivo che impedisce l’accensione del veicolo se il guidatore ha bevuto.

Sempre sul Nuovo Codice della Strada, queste le parole del Ministro “Io spero che sia luglio, è quasi un anno che ci stiamo dietro, è giusto approfondirlo in ogni suo aspetto. Mi piacerebbe che gli italiani che partono per le ferie e i ragazzi che partono per le vacanze ad agosto lo possano fare in base a un Codice della Strada più aggiornato e al passo coi tempi rispetto a quello del ’92, quindi con l’educazione stradale e con il ritiro breve della patente per chi abbandona degli animali lungo le strade, visto che ci si avvicina alla stagione estiva ed è pieno di cretini, barbari, incivili e delinquenti, che non solo fanno il danno degli animali, ma creano anche un pericolo alla circolazione stradale.
Per questo spero che il ritiro breve della patente per chi abbandona gli animali lungo le strade possa essere norma già per l’esodo agostano
”.

Tu sei d’accordo? Cosa ne pensi della sentenza della Cassazione prima e delle parole del Ministro poi?


Sei un’autoscuola?
Scopri come comunicare bene, avere maggiore visibilità sui motori di ricerca e ottenere più clienti.