Attualità & Curiosità

Decreto energia: da oggi 30,5 centesimi in meno sulla benzina

I due decreti che prevedono il taglio delle accise sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale ieri e il provvedimento che riduce il costo della benzina è entrato in vigore da stamattina. Al momento la durata è di un mese, fino al 21 aprile chi farà un pieno di circa 50 euro, potrà giovare di uno sconto di 15 euro sul carburante.

Il Decreto legge “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina” e il Decreto interministeriale prevedono aiuti concreti alle famiglie con l’investimento di 4,5 miliardi di euro, dei quali 4 finanziati dalla tassa del 10% sui produttori e rivenditori di energia elettrica, gas e petrolio e il restante frutto del maggiore gettito Iva incassato tra ottobre e febbraio.

Benzina: sconto fino al 21 aprile

Come anticipato l’intervento del Governo è deciso a calmierare i prezzi del carburante che nelle prime settimane di marzo hanno raggiunto la soglia di 2 euro al litro.
Da oggi, quindi, lo sconto sulla benzina e il gasolio è pari a 30,5 centesimi (25 + 22% Iva), mentre per il gasolio il taglio è di 10 centesimi.

Il provvedimento ha la durata di un mese, ma il governo si riserva la possibilità di intervenire ulteriormente con un Decreto.
Se la situazione non dovesse migliorare, il Governo può rideterminare le aliquote o prorogare e ampliare lo sconto.

Inoltre, per contrastare l’aumento dei prezzi del carburante le aziende private possono cedere a titolo gratuito ai loro dipendenti 200 euro di buoni benzina esenti da tasse.

Così il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha presentato il Decreto Energia 2022: “Interveniamo per aiutare cittadini e imprese a sostenere i rincari dell’energia, con particolare attenzione alle famiglie più bisognose e alle filiere produttive più esposte”.

Le misure prevedono anche l’imposizione della tassa sugli extra profitti delle società energetiche, norme a sostegno delle imprese e delle famiglie e il rafforzamento della disciplina del Golden power per il controllo degli investimenti stranieri.