Tag: revisione

Manutenzione auto senza spendere molto

Per garantire la sicurezza dei passeggeri e degli altri utenti della strada, l’automobile deve essere sottoposta a interventi di manutenzione ordinaria, partendo dai controlli periodici come i tagliandi e la revisione.

Nonostante i due termini siano confusi nel linguaggio comune: la revisione è un controllo obbligatorio imposto dalla legge secondo scadenze ben precise, mentre il tagliando non è obbligatorio, ma se effettuato con regolarità permette di mantenere il diritto alla garanzia da parte della casa madre.

Oltre ai controlli periodici, è bene prima di affrontare un viaggio o quando ci accorgiamo che le prestazioni dell’auto sono nettamente diminuite, fare una manutenzione auto generale.

Cosa comprende la manutenzione auto ordinaria?

La manutenzione regolare della propria auto è consigliata per motivi di sicurezza, ma anche per garantire performance elevate del veicolo nel tempo.

I controlli regolari da effettuare riguardano il filtro antipolline, il sistema frenante, il motore, la cinghia di distribuzione, vediamone qualcuno più nel dettaglio:

  • Filtro antipolline: in pochi ci pensano, ma guidare in un ambiente sano e pulito è importante per salvaguardare la propria salute, per questo fai sostituire il filtro antipolline più o meno dopo aver superato il 20mila km di percorrenza.
  • Cambio olio: i professionisti consigliano il cambio olio ogni 15-20mila chilometri. Ricorda che ogni tanto andrebbe rimboccato.
  • Sempre ai controlli auto, appartiene la pressione o l’usura dei pneumatici. La corretta pressione delle gomme è importante per la sicurezza di chi è nell’auto e andrebbe fatta almeno una volta al mese, questo per evitare un consumo eccessivo del battistrada.
  • Vogliamo parlare della batteria? Se lasci l’auto ferma per troppo tempo e nel periodo invernale, ti conviene staccarla, partendo dal cavo nero del polo negativo.
  • Se mentre sei alla guida avverti problemi o fischi ai freni, porta l’auto da un professionista, sia per la sostituzione delle pasticche sia per il liquido dei freni.

In generale la manutenzione autoveicoli aiuta a mantenere la sicurezza, a prolungare la vita del veicolo e nel tempo a risparmiare economicamente.

Perdita dei punti: addio alla lettera della Motorizzazione

Il Decreto Infrastrutture è stato l’intro legislativo al nuovo Codice della Strada, che tra le novità, di cui abbiamo già scritto qui, elimina l’invio della lettera con la quale la Motorizzazione comunicava la perdita dei punti patente.

Il Codice della Strada assegna di monte di 20 punti all’ottenimento della patente di guida, ogni infrazione prevede la decurtazione e più è grave l’errore commesso più sono i punti persi.
Se la dotazione è esaurita, si procede alla revisione, chi guida deve sostenere di nuovo gli esami di teoria e pratica per la patente.
L’ente proposto a comunicare l’avvenuta perdita è la Motorizzazione, anzi era.

Come avviene ora il controllo della perdita dei punti patente?

Se la lettera della Motorizzazione non arriva più, cosa succede? Accedi al totale dei punti patente online.

Le informazioni sono reperibili sul Portale dell’automobilista attraverso la registrazione o scaricando l’app IO, che permette di accedere con maggiore velocità ai servizi della Pubblica amministrazione.

Una notifica o una mail comunica all’automobilista l’entità del danno!

Ricorda che la sottrazione dei punti non è immediata: sono ammessi 60 giorni di tempo per fare ricorso al Prefetto. Trascorsi i quali, scatta il taglio punti.